memoria condivisa

da quando ho cominciato lavorare a tempo pieno con eclipse, pl/sql Developer e tomcat con 3 o 4 webapps caricate contemporaneamente, il computer ha cominciato a soffocare, con solo 512Mb di Ram. allora via con l’upgrade!
il mio capufficio chiama il servizio sistemistico e richiede ancora 512Mb per la mia macchina. passa quasi un mese e si presenta l’ometto. purtroppo ha disponibile solo un banco da 256Mb, e bon, che si monti lo stesso. piuttosto che niente, meglio piuttosto.
il computer comincia a respirare e io a lavorare senza crash continui.
la richiesta del mezzo giga è ancora attiva. passa un’altro mese, anzi quasi due, e si presenta un’altro ometto: “di chi è il computer HDS43X?” “mio!” “devo installare un banco di Ram” “Aleeeeee!”. si sentono suonare le trombe, sventolano le bandiere, la gente in piazza fa festa.
ora vediamo in uno pseudocodice Java come si è svolta questa operazione di alta tecnologia:

Memoria memoriaVecchia, memoriaNuova;
Tecnico ometto = new Tecnico();
ometto.smontaMemoria(memoriaVecchia);
int quantaMemoriaVecchia = memoriaVecchia.getMegaByte(); 
  // è 256Mb!
int quantaMemoriaNuova = memoriaNuova.getMegaByte(); 
  // è 512Mb!
if (quantaMemoriaVecchia < quantaMemoriaNuova) {
  try {
    ometto.montaMemoria(memoriaNuova);
  } catch (TipoMemoriaNonSupportato t){
    if (memoriaVecchia instanceof DDRAM &&
        memoriaNuova instanceof SDRAM) {
          Divinita dio = God.getInstance();
          // Dio è un singleton Ahahahahaahahaaaa! =) 
          throw new Bestemmia(dio);           
    }
  } finally {
    ometto.rimonta(memoriaVecchia);
    ometto.exit(fromOffice);
  }
}

e così aspetterò ancora un altro mese...