Fluffer!

origini

il gioco AssHole è stato insegnato a Paola dalla sua amica Joanna.
Secondo Joanna, tale gioco è originario canadese, ma probabilmente ne esistono varie versioni.
Viste le successive modifiche, inventate da noialtri, solo per dare alle interminabili sessioni di gioco, un senso alla domanda:
“sì, ma chi sta vincendo, ora che siamo quattro ore che giochiamo?”,
ho deciso di ribattezzarlo col nome col quale amichevolmente lo chiamiamo: FLUFFER!
Disclaimer: è noto che questo gioco provoca dipendenza. siate prudenti…

descrizione

FLUFFER! è un gioco di carte, per quattro giocatori, per i quali sono previsti altrettanti ruoli.
I ruoli stabiliscono la gerarchia del potere nel gioco, e lo scopo finale del gioco FLUFFER! è avanzare nella gerarchia e rimanere più a lungo possibile nella posizione più alta.
Alla fine di ogni mano vengono assegnati dei punti ai giocatori, e con questi si può stilare una classifica in qualsiasi momento per stabilire chi è President e chi è FLUFFER!

i ruoli

i ruoli previsti per i giocatori sono, in ordine di importanza:

  1. President
  2. Vice President
  3. Vice Paria
  4. Paria
  5. FLUFFER!

il President è il personaggio più importante. a lui si deve rispetto e obbedienza assoluta. Il President non fa mai le carte (vietatissimo!), può dileggiare gli altri e vanagloriarsi dalla sua posizione dominante.
Sotto di lui il Vice President è un po' lo sceriffo della partita, può vantarsi abbastanza ma senza disturbare troppo il President. può ordinare da bere.
Il Vice Paria, rappresenta un po' la classe operaia: subisce le invettive dai potenti, ma può anche scaricarsi un po' su chi sta peggio di lui: il Paria!
Il Paria, come nelle caste indiane, è l'intoccabile. a lui i compiti più umili, come raccogliere, rimescolare e ridistribuire le carte, servire da bere, pagare il conto.
Come detto i giocatori sono quattro: allora chi è il FLUFFER? è quello che aspetta il turno per giocare!!!
visto che a questo gioco bellissimo tutto vogliono giocare, ma ci sono solo quattro giocatori, quello o quelli che vogliono giocare, restano fuori e aspettano il turno. ogni tot mani (di solito una, due o quattro) si fa uscire il Paria e si fa entrare un FLUFFER! nel giro.
voi tutti sapete quale ingrato compito abbiano le fluffer nella produzione di un film porno… beh, pensate che c'è sempre chi sta peggio: il tergisperma.
FLUFFER! è un gioco che vi farà sognare la rivoluzione russa!

lo scopo

Scopo di ogni giro è finire per primo le carte che si hanno in mano: chi finisce per primo sarà il President del prossimo giro. Il secondo sarà Vice President, poi a seguire Vice Paria e Paria (in originale erano AssHole e Vice AssHole… ma noi che siamo "pudici" preferiamo non dire parolacce…).
A ogni giro sarà assegnato un punteggio a seconda della variazione o della permanenza del giocatore nel ruolo, secondo una tabella che troverete più avanti.

le regole

Si gioca con un mazzo francese da 54 carte, con un Jolly rosso e uno nero. Ci si dispone sul tavolo in senso antiorario, seguendo la gerarchia.
All'inizio la gerarchia viene indicata facendo magari il gioco della carta più alta.
I valori delle carte sono questi: la più alta è il Jolly Rosso, poi quello Nero, poi i Due, gli Assi, i Re, le Donne, i Fanti eccetera fino ai Tre.
L'importanza sta non solo nelle carte singole, ma anche nelle coppie, nei tris e nei poker di carte dello stesso valore: una coppia di 8 è più forte di una coppia di 7.
Il Jolly Rosso vince sul Nero.
Un Jolly vince su qualsiasi carta singola, coppia, tris o poker.
Un Due vince da solo su una coppia di qualsiasi carta, eccetto il Jolly, e una coppia di Due vince su qualsiasi Tris o Poker.
Il Paria mescola le carte e le fa tagliare al Vice Paria. Dopodichè comincia a distribuire le carte: le prime due scoperte al President, poi ancora dal President secondo la gerarchia, distribuisce tutte le carte (il President ha due carte in più).
A questo punto, il Paria deve consegnare le sue due carte di valore più alto al President, e il Vice Paria darà la sua carta più alta al Vice President. Il President e il Vice President ricambiano il favore con rispettivamente due e una carta, scelta da loro (di solito si danno le carte con minor valore).
Nel valutare le carte da consegnare al Vice President, il Vice Paria può evitare di dare la carta più alta in assoluto se questa appartiene a una coppia, a un tris o a un poker, e dare la più alta che non soddisfi questo criterio.
Fatto lo scambio si incomincia a giocare: comincia il President.
Ogni giocatore può giocare una carta, una coppia, tris o poker di carte. Il successivo nella mano ,deve rispondere a una carta singola con una singola, a una coppia con una coppia ecc., ma solo di valore più alto (non importa il seme) e così a seguire tutti e quattro i giocatori. Tutti i giocatori possono comunque decidere di passare il turno e tenersi le carte in mano. Finita la mano, chi ha giocato la combinazione più alta può ricominciare il gioco.
A ogni fine mano il Paria deve educatamente e celermente raccogliere e riporre le carte usate a faccia coperta.
Così avviene che il più bravo o il più fortunato, o chi è partito da una posizione migliore, finisce per primo le carte e diventa il nuovo President. gli altri continuano il gioco finchè non finiscono le carte e si ricrea la nuova gerarchia.

strategie

Il President parte da posizione vantaggiosa in quanto ha due carte in più degli altri, le due carte migliori prese dal Paria, e notoriamente una gran dose di culo. Quindi può giocare un maggior numero di combinazioni, ma mantenere la posizione non è poi così facile come sembra. E poi tutti i giocatori hanno visto due carte della sua mano quando sono state distribuite.
Fare il salto da Vice Paria a Vice President è di solito difficile, più che passare da Vice President a President o da Paria a Vice Paria. Ci vuole un bel po' di culo.
Saltare invece da Paria a Vice President o President è una goduria che pochi possono permettersi, e ciò è ampiamente dimostrato nelle antiche cronache bretoni.
Quando succede è d'obbligo vendicarsi di tutti i torti subiti dai superiori, cercando di comportarsi ancora di più da carogna nel prossimo giro!
Generalmente il President gioca per prima le carte scarse, mentre il Paria, giocando per ultimo le prime mani, se vuole scaricare un po' di carte deve per forza giocare quelle buone per prime. Lì sta il gioco del Paria, a prendere e mollare per consumare al più presto le carte.
Il President, se non ha grossa sfiga, ha almeno un Jolly in mano e qualche Due. Con questi può bloccare il gioco al rialzo degli altri, ma deve stare attento a non rimanere senza carte alte alle ultime mani…
I due Vice combattono una lotta quasi alla pari, ma le suddette cronache bretoni raccontano che il Vice President gliela fa quasi sempre, magari piazzando alla fine quell'unico Due che il Vice Paria aveva ed è stato costretto a cedere, in cambio di un misero tre o un triste quattro.

tabella dei punteggi

per tenere conto della bravura del giocatore, abbiamo pensato a una sorta di "media inglese" che tenga conto della facilità o della difficoltà di cambiare o mantenere la posizione (anche mantenere la posizione è difficile…)

Da => A Paria Vice Paria Vice President President
Paria
0
1
2
4
Vice Paria
-1
1/2
1
2
Vice President
-2
-1
1/2
1
President
-4
-2
-1
0

Questa tabella è stata a lungo discussa e pensata: narrano le cronache bretoni che una volta Re Pipino lo SpaccaNespole, vista la succitata carta dei punteggi, e resosi conto che a rimanere Re non si guadagnava un cazzo, andò al cesso e ci si pulì il culo…
Per questo motivo la disgrazia si abbattè su di lui.
Poco dopo, il suo maniscalco Pietro Lo PrendoDietro, ingolosito dai quattro punti in classifica che prende il Paria che diventa President, decise di vendicarsi del Re: un giorno lo seguì, e in un momento di solitudine del Re, si avventò sul povero Pipino e ne ebbe il sopravvento.

Da allora Re Pietro LoMettoDietro tramanda quella preziosa carta con i punteggi.
Ora la carta dei punteggi è arrivata fino ai nostri giorni.
E io l'ho ricopiata in forma digitale, perchè a portarsi dietro l'originale puzza.

ciao a tutti, Dave!
scritto e redatto in proprio, a uso e consumo degli amici. Se vedemo a Lagolo!

Scarica la scheda per segnare i punteggi di Fluffer! (scusate il formato xls… qui non posso trasformarlo in pdf… lo farò stasera)

3 thoughts on “Fluffer!

  1. […] Fluffer, cucina casalinga, alghe assassine, pioggia (poca), caffè al Rosso e Radler al Clandestino, prato alle Viote, monte Bondone, orto botanico, guide alpine, passeggiate attorno al lago, calendula, clonella e cuori Prada, don Puc e il pesce di Lago(lo) (dopo Pucceus e Lagolix), grigliata da Isaia, letture, bellezze della valle, riflessi(oni), Muflon-House col bicchiere per la doccia dall’anno scorso, noi. […]

  2. […] Temi discussi a Lagolo con gli amici, tra una partita di peppa e una di fluffer: […]

  3. […] confermare la tipica giornata di relax, mattina e pomeriggio al lago, con le partite di carte ad Asshole, l’aperitivo al Rosso e il gelato al Clandestino, il libro, il giornale, le olimpiadi di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *